Epilazione Laser

epilazione-laser-1Alessandrite, Light-Sheer, Nd-Yag, altri tipi di laser
Questi sistemi emettono una luce dello spettro elettromagnetico di una lunghezza d’onda specifica che dolcemente rimuove i peli indesiderati presenti nelle varie zone.
Il laser invia un impulso luminoso per un tempo brevissimo, sufficiente a denaturare il pelo, danneggiando l’unità pilifera (bulge e bulbo) allungando la fase di crescita e rendendo tale epilazione progressivamente permanente.
Uno speciale manipolo con vari sistemi di raffreddamento per le pelli più sensibili, protegge e la superficie della pelle prima, durante e dopo il trattamento, consentendo garanzia ed efficacia su tutti i fototipi.

epilazione-laser-2Il trattamento laser può durare da pochi minuti ad un’ora o più, a seconda dell’ampiezza dell’area da trattare, dalla tecnologia laser utilizzata.
Il laser può provocare un leggero pizzicore durante il trattamento, ma con il passare delle sedute, e quindi con la diminuzione del calibro dei peli, che diventano sempre più sottili, più chiari e diradati, tale fastidio diventa praticamente impercettibile.Un leggero rossore in corrispondenza della zona trattata è abbastanza frequente, ma la sua durata è brevissima e non limita la normale attività.

Filler

Riassorbibili, semipermanenti, permanenti
I trattamenti con filler riassorbibili danno solo risultati temporanei. I filler permettono di evitare alcuni interventi di chirurgia estetica o chirurgia plastica per l’aumento o il modellamento delle labbra (cheiloplastica), degli zigomi (zigomoplastica), del mento (mentoplastica), della fronte e correggere i solchi naso-labiali e rughe periorbicolari (zampe di gallina) e periorali (rughe perpendicolari alle labbra). La tecnica di inserimento dei filler è molto delicata in quanto si usa un ago molto sottile per depositare la giusta quantità di “protesi liquida”.
Oggi abbiamo a disposizione sostanze diverse, in grado di adattarsi alle necessità individuali, per cui è possibile ottenere risultati che possono essere di durata limitata (da sei mesi a un anno) come con l’acido ialuronico, il collagene o l’acido polilattico, sostanze più sofisticate, che possono durare diversi anni, come il poliacrilammide, fino a materiali che hanno durata illimitata, come i metacrilati, il polisilossano in gel e l’idrossiapatite.
Il risultato è immediato e non comporta problemi di vita di relazione per il paziente in quanto le tecniche di infiltrazione sono semplici se eseguite da mani esperte e non necessitano di alcun tipo di anestesia.

INFILTRAZIONE DI ACIDO IALURONICO

L’acido ialuronico è oggi la sostanza più diffusa tra i cosiddetti “dermal filler”, gli impianti iniettabili che si usano per il trattamento di rughe, solchi, piccole aree depresse e per l’aumento temporaneo di volume di labbra, zigomi e altre zone del viso. L’iniezione viene effettuata con un ago molto sottile nello spessore del derma .
Scopo dell’ infiltrazione con acido ialuronico è quello di riempire e correggere le rughe più profonde del viso.
Il metodo prevede l’utilizzo di una preparazione di acido ialuronico che viene infiltrata immediatamente al di sotto delle rughe da trattare. Il prodotto non dà reazioni allergiche, né sono descritte complicanze legate al suo uso.
Una volta iniettato, l’acido ialuronico viene gradualmente riassorbito dall’organismo. La durata di questo processo varia da individuo a individuo: in certi casi l’impianto, sebbene ridotto, è ancora evidente dopo otto mesi. In altri, dopo tre mesi, è necessario fare dei ritocchi.
L’eventuale dolore del trattamento varia in base alla sensibilità individuale (la soglia del dolore è soggettiva), ma dipende anche dalla sede in cui l’acido ialuronico viene iniettato. Le labbra, per esempio, sono particolarmente sensibili ed è quindi opportuno applicare una crema anestetica prima del trattamento, oppure eseguire un’anestesia tronculare (tipo quella praticata dal dentista), molto rapida ed efficace.
Altre zone, come le pieghe naso labiali, possono essere trattate senza alcuna anestesia oppure applicando la crema anestetica.

COSA CI SI DEVE ASPETTARE DA QUESTO TRATTAMENTO

Il risultato dipende fortemente dalla situazione di partenza, come in tutti i trattamenti estetici sia medici che chirurgici. Perciò è molto importante che il medico e il/la potenziale paziente discutano sulle possibilità e sui limiti dell’eventuale risultato.
Una persona con rughe naso labiali marcate non può aspettarsi che queste spariscano con una sola fiala di acido ialuronico: saranno necessarie più sedute (anche 2-3) per raggiungere il risultato desiderato (che comunque in questo caso sarà palliativo e non paragonabile a quello che si otterrebbe con la chirurgia).
Se le pieghe sono invece meno marcate, il risultato sarà, sicuramente, più evidente.
Anche per l’aumento di volume delle labbra tutto dipende dalla situazione di partenza. In pazienti con labbra molto sottili, che desiderano aumentarne sensibilmente sia il volume che la proiezione, sarebbe auspicabile eseguire inizialmente un trattamento non particolarmente aggressivo, eseguendo eventualmente un “ritocco” a distanza di 1-2 settimane. Questo atteggiamento consentirà anche di controllare il grado di aumento di volta in volta.
Invece, una persona che desidera mettere in evidenza il contorno delle labbra e aumentarne leggermente il volume, dopo una sola seduta sarà probabilmente soddisfatta.

VANTAGGI

Si tratta di un filler che si pratica in ambulatorio, con o senza anestesia locale; nella maggior parte dei casi si può riprendere subito la normale attività.
Si possono in seguito eseguire dei ritocchi.

SVANTAGGI

La durata è limitata nel tempo (si può comunque ripetere)

POST-TRATTAMENTO

Subito dopo il trattamento normalmente non vi sono reazioni cutanee rilevanti. A volte, il paziente potrà notare un rossore e avvertire un lieve bruciore ed un edema, che nella maggior parte dei casi scompaiono nel giro di poche ore.
L’utente, a domicilio, dovrà contribuire alla riuscita di ogni trattamento rispettando scrupolosamente le segnalazioni del medico nel trattamento farmacologico e nei controlli. Sarà a carico dell’utente stesso la procura e l’applicazione della terapia topica (creme protettive e reidratanti, ridotta esposizione solare e quant’altro indicato).

Ginecologia

Presso il poliambulatginecologiaorio San Giovanni è possibile sottoporsi a visite specialistiche  ginecologiche con ecografia e indagini di laboratorio.

Nel dettaglio:

  • Visita Specialistica Ginecologica
  • Visita Specialistica in Gravidanza
  • Controllo esami
  • Pap-Test
  • Prelievo batteriologico
  • Ecografia Ginecologica
  • Ecografia transvaginale
  • Ecografia mammaria
  • Ecografia Ostetrica in 3D/4D
  • Ecografia Ostetrica Morfologica
  • Biopsia mirata superficiale
  • Prelievo citologico con agoaspirato

samsung-sonoace-r7Preparazione

  • Per pap-test e prelievo batteriologico: Evitare rapporti per almeno 5 giorni prima dell’accertamento
    Evitare il periodo mestruale
    Evitare lavande interne nella giornata precedente la prestazione
  • Per tutte le altre prestazioni:
    In età fertile il periodo più indicato e consigliato per la maggior parte degli accertamenti è quello periovulatorio, cioè dal 10mo al 15mo giorno del ciclo mestruale.

Munirsi della documentazione clinica di precedenti esami o visite eseguite

Il nostro ecografo è un Samsung SONOACE R7 modello 4D

Laser vascolare

laser-vascolareL’origine delle lesioni vascolari è attribuibile a vari fattori quali: predisposizione genetica, terapie ormonali, danni da raggi ultravioletti, gravidanza, interventi di rinoplastica, complicanze da couperose, etc.

Queste alterazioni vascolari possono manifestarsi più frequentemente a livello di guance, ali del naso, zigomi, etc. Altre localizzazioni sono le gambe, le cosce ed i piedi.

Lesioni vascolari del viso e del corpo, come semplice rossore e/o eritrosi, angiomi, capillari e patologie vascolari delle gambe, come vene varicose e teleangectasie ecc., possono essere definitivamente eliminate con la tecnologia laser e/o biomediche ed elettro-ottiche avanzate.

Il trattamento consiste nel posizionare una piccola quantità di gel a livello della lesione vascolare e, quindi, emettere uno spot della tecnologia scelta il quale, attraversata la cute, viene assorbito dalla componente ematica endovascolare, sulla base del suo colore o delle sue varie componenti. L’effetto è una “termocoagulazione” con assorbimento e scomparsa della lesione vascolare.

Il semplice rossore e/o eritrosi possono essere curate con Luci Pulsate (IPL) di 3° o 4° generazione, mentre per i vasi di maggiori dimensioni e più profondi si ricorre a tecnologie laser più specifiche e mirate.

L’origine di tali lesioni è attribuibile a vari fattori quali: predisposizione genetica, terapie ormonali, danni da raggi ultravioletti, gravidanza, interventi di rinoplastica, complicanze da couperose, etc.

Gli angiomi piani, più o meno complessi, vengono trattati con laser specifici come IPL di ultima generazione, Dye-Laser e KTP. Il trattamento non comporta nessun cambiamento della normale attività quotidiana. L’unica “limitazione” riguarda l’esposizione solare che andrà protetta con schermi solari specifici.

Le patologie vascolari in generale necessitano di un numero limitato di sedute ambulatoriali, ma il loro numero varia in base al tipo, alla gravità e alla sede della lesione stessa.

Macchie della pelle

Le iperpigmentazioni vengono definite come un inscurimento circoscritto della cute, che si aggrava con l’esposizione al sole e sono:

  • Macchie solari
  • Macchie senili
  • Efelidi
  • Lentiggini
  • Lentiggini senili o solari
  • Melasma o cloasma
  • Pigmentazioni post-infiammatorie
  • Chiazze caffè latte
  • Nevo di Becker
  • Nevo spilus
  • Matting teleangectasico

Come eliminarle?
Ottimi risultati si ottengono con l’utilizzo dei Laser Q switch (che possono essere laser Nd-yag Q switch, laser rubino o alexandrite) oppure può essere utilizzata la Luce pulsata (IPL).
E’ molto importante eseguire prima la diagnosi dermatologica perchè da ciò discende la localizzazione del pigmento e quindi il tipo di lunghezza d’onda che deve essere impiegata.

Da cosa sono provocate?
Le cause che provocano le iperpigmentazioni possono essere varie:

  • Il naturale invecchiamento della pelle dovuto all’età
  • Accumulo di melanina nell’epidermide e nel derma (ipermelanosi)
  • Lesioni delle pareti vascolari con degradazione dell’emoglobina (ipercromie di origine ematica)
  • Accumulo di carotene per cause metaboliche, dietetiche o farmacologiche (ipercarotenemie)
  • Tatuaggi
  • Farmaci (fenotiazinici, idantoina, antimalarici, fenolftaleina, arsenico)
  • Varie malattie sistemiche ed endocrine.

Preparazione al trattamento
Evitare assolutamente l’esposizione ai raggi solari e/o a lampade UVA nelle settimane precedenti al trattamento.
Non assumere farmaci che aumentino la sensibilità della pelle alla luce.

Periodo post-operatorio
Dopo il trattamento delle macchie cutanee, melasma o cloasma, o altre iperpigmentazioni della pelle, è necessario applicare una pomata antibiotica per alcuni giorni fino alla guarigione.
Le zone trattate devono essere protette con filtri solari ad alta protezione, l’arrossamento scompare solitamente nel giro di alcune settimane.

Pediatria

pediatriaPresso il Poliambulatorio San Giovanni è possibile effettuare visite specialistiche  per il vostro figlio,l ’attività specialistica del Poliambulatorio comprende le seguenti aree mediche, per le quali è possibile effettuare visite e/o esami strumentali:

  • Allergologia e Pneumologia
  • Audiologia
  • Cardiologia
  • Dermatologia
  • Endocrinologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica Clinica ed Epidemiologica
  • Infettivologia
  • Malattie Rare
  • Nefrologia
  • Neonatologia
  • Neurofibromatosi
  • Neurofisiologia ( EEG, Potenziali evocati, Neuropsicologia)
  • Neurologia
  • Neuropsichiatria Infantile
  • Oculistica
  • Otorinolaringoiatria
  • Radiologia
  • Reumatologia
  • Visite pediatriche per obesità
  • Visite pediatriche per disturbi del sonno
  • Visite pediatriche per vaccinazioni a rischio